Basta guardare con occhi diversi

Vorrei spiegarti che guardare è importante,
perché osservare la gente la rende meno distante.

Vorrei parlarti come fossi già grande,
donarti il cuore e la mente
ed uno sguardo pensante.

Vorrei insegnarti che il tuo punto di vista
più facilmente si sposta
quando non trovi la lista.
Delle risposte già date,
delle ovvietà masticate,
dell’evidenza che ha già visto qualcun altro.

Vorrei mostrarti che lontano è vicino
se metti a fuoco la strada
durante un lungo cammino.
Perché se fissi all’orizzonte un punto,
ti sfugge il movimento
e il passo sembra lento.

Vorrei vederti lì con gli occhi aperti
per non smarrire il dettaglio
che proprio non ti aspetti.
Spostare l’attenzione,
dare alle cose un nome,
avventurarti oltre le apparenze.

Vorrei che mi vedessi così come sono.
Senza giudizi,
filtri o compromessi.

E ricordarti che ciò che non comprendi
basta guardarlo con occhi diversi.

Gabri indossa un paio di occhiali Lookkino by Look – The Concept Factory.

Lookkino è l’occhiale per bambini più affidabile che ci sia. Lo è perché questa linea dedicata ai più piccoli è stata concepita seguendo una visione precisa: garantire ai bambini la libertà di muoversi, giocare e crescere, dimenticandosi di avere un difetto visivo e quattro occhi anziché due.

La giusta visione.

Portare gli occhiali presuppone attenzione e prudenza. Possiamo provare a insegnarle ad un bambino, ma possiamo anche stravolgere il punto di vista, e studiare un prodotto fatto apposta per loro, che ne richieda un po’ meno. Anche perché la vita di un bambino è un po’ più movimentata di quella di un adulto. O almeno così dovrebbe essere. Non credete?

A volte basta guardare con occhi diversi.

I materiali e il design di Lookkino sono stati studiati in funzione del reale utilizzo che ne fa un bambino. Gli occhiali che indossa Gabri hanno un telaio monoscocca. Vuol dire che non presentano punti di giunzione, e quindi di possibile rottura o deformazione. Sono stati realizzati in Nil titanio e gomma, materiali incredibilmente leggeri resistenti agli urti ed elastici.

Perché anche per un bambino con gli occhiali saltare e correre non dovrebbe essere mai un problema. 

La qualità di Lookkino è tutta italiana. Molto più che made in Italy, made in Italia, e più precisamente nella mia amata Regione, il Veneto. Look – The Concept Factory nasce infatti nel 1978 a Campolongo di Cadore, ma è oggi un’azienda affermata che ha esportato idee, stile e tecnologia in oltre 60 Paesi. Ma non la produzione.

Lookkino guarda anche al futuro e all’ambiente: tutti i materiali utilizzati sono atossici, ipoallergenici e completamente riciclabili.

“Lookkino è ciò che un bambino si aspetta: qualcosa di grande dietro un piccolo oggetto. Lookkino è rispetto per il futuro dei bambini, è cura del loro sviluppo e delle loro esigenze, è salvaguardia del gioco.  Lookkino è attenzione ai desideri dei più piccoli e alla loro crescita.

Perché stiano bene, e noi con loro.”

Post in collaborazione con Lookkino

Continue Reading

ANCHE I FIGLI DELLE BLOGGER HANNO I PIDOCCHI.

Io non dovrei ammalarmi mai. Lo dico per una sola ragione. Non è perché stare male non è affatto bello, specialmente se ti sei ritagliata due miseri giorni di vacanza ed è il tuo compleanno. Non è perché la febbre ti fa venire le occhiaie e il colorito di un topo morto, e quest’ultimo è […]

Continue Reading

Mums gonna make. Un nuovo progetto

La mia estate è trascorsa fra riflessioni, bilanci e ricerca di nuovi stimoli. Settembre è arrivato colmo di entusiasmo e di voglia di fare, ed è tempo che vi presenti alcune novità. Ma vi dispiace se facciamo prima un passo indietro? Perché è proprio così che è nato un progetto nuovo: voltandomi a guardare tutto […]

Continue Reading

Dimenticare un figlio in auto si può eccome.

Ieri sera ho faticato ad addormentarmi, malgrado la consueta stanchezza, pensando agli ultimi momenti di vita di quella bimba dimenticata in auto. L’ho sentito riecheggiare nelle mie orecchie l’urlo straziante di quella donna che, tornando dopo ore alla sua auto, si è trovata faccia a faccia con il peggiore incubo di una madre. Mi figuro […]

Continue Reading

Vuoi il mio numero? Il mio 5×1000 ad AISM

Ho immaginato di svegliarmi un giorno, inghiottita dalla lentezza. Di perdere progressivamente la capacità di muovermi nel mondo. Di perdere la lucidità del mio pensiero. Di perdere i ricordi. Ho immaginato di dimenticarmi la gioia di vivere. Ho deciso di supportare la campagna AISM #vuoiilmionumero e di donare il mio 5×1000 alla Fondazione Italiana Sclerosi Multipla, […]

Continue Reading

I crimini dell’influencer

C’è un tema assai popolare che ciclicamente ritorna in cima alla mia timeline e in testa a tutti i miei social feed. Quello dell’influencer marketing o, come amano definirlo tutti, quello delle blogger marchettare. La polemica è talmente vecchia che inizia a generare sonnolenza, ma ogni volta che qualcuno la tira fuori dalla naftalina, tra […]

Continue Reading

Pensieri in circolazione

La mia macchina può sembrare un semplice veicolo con quattro ruote, tre porte, un seggiolino anteriore e due posteriori su cui legare i figli a doppia mandata sudando sette camicie. In realtà è come un transformer, nasconde tantissime altre funzionalità. Si muove perlopiù lungo lo stesso tragitto casa-scuola. Quando siamo al completo, non è molto […]

Continue Reading

Piccoli omofobi crescono

Cari genitori del bambino che, all’uscita di scuola oggi, ha detto riferendosi a Gabri: “Sento puzza di frocio”, vi chiedo scusa se gli occhi azzurri, i capelli biondi e forse un po’ lunghi e quello strano appellativo con cui mi ostino a chiamare mio figlio, “Nanna”, possono aver generato confusione nel vostro dolce bambino. Che fortuna che, malgrado […]

Continue Reading

Cento pensieri per te.

Cento pensieri per te. Anzi, centodiciotto: uno per ogni giorno che ci separa. Più o meno, perché non posso sapere esattamente quando arriverai. Ma intanto ti aspetto, e ti penso. Mi sembra che il tempo passi troppo in fretta, ho già trascorso quasi sei mesi con te. Per la precisione, 162 giorni. Fanno centosessantadue pensieri […]

Continue Reading