Al mio via, scatenate i pennelli! L’importanza del gioco libero

La prima cosa che ho fatto per diventare un genitore è stata tornare bambina.

Ho preso la mia infanzia, l’ho riguardata come si fa con i vecchi film che hai amato tanto, e ho salvato le scene che avrei voluto girare di nuovo. Questa volta, nella parte di mamma, insieme ai miei figli.

La maggior parte di questi ricordi non era fatta di semplici immagini, piuttosto di sinestesie: un insieme di frammenti di gioia che aveva a che fare con tutti e cinque i sensi.

C’era l’odore delle matite colorate appena temperate e quello dolciastro della tempera. C’era la sensazione della sabbia tra le dita, il suono delle foglie secche sotto i piedi, le capriole sull’erba e i tuffi nel fieno. C’era il morso ad una palla di neve fresca, il sale che tira sulla pelle al sole, c’erano le mani sporche di fango e le ginocchia sbucciate.

Cosa è stata la mia infanzia, in una parola? Libertà.

C’è una frase che mi fa molto ridere, eppure l’ho pronunciata io stessa più di una volta.

Gioca pure, ma attento a non sporcarti!

Li portiamo al parco, li portiamo al mare, e poi gli facciamo raccomandazioni assurde: “Non toccare la terra! Non sollevare la polvere! Non schizzare acqua! Ma guarda come ti sei conciato con quei colori!” 

Credo di essere una mamma flessibile e giocosa. Ma ci casco anch’io. Perché ho paura che i miei figli si facciano male o che si ammalino. Ma, lo ammetto, anche perché sono stanca. Mi preoccupo di dover passare di nuovo l’aspirapolvere e del pavimento appena lavato. Aiuto, ma quante lavatrici devo fare?

Mia mamma mi prende in giro: “Ale e Gabri, mamma ha ragione! Vi state comportando proprio come dei bambini!”

Io scoppio in una risata, e mi rilasso.

Sporcarsi fa bene al cervello

I miei figli hanno una stanza piena di giochi. Ma non esiste niente che li entusiasmi quanto pasticciare con acqua, sabbia, terra, farina o pittura.

I giochi in cui non ci sono regole, né un modo giusto per giocare, sono sempre i loro preferiti, e in fondo anche i miei.

Non solo sono i più divertenti, sono anche i più importanti. Perché consentono di esplorare un intero universo sensoriale e arricchire il loro cervello. Li aiutano a sviluppare un atteggiamento più aperto alle diverse esperienze, ad essere meno timorosi, stimolano la curiosità. Insomma, li fanno crescere.

Oggi #sonoBuona

Oggi ho raccolto la sfida di Buona per la difesa de #idirittideibambini e ho lasciato i miei figli liberi di esprimersi liberamente, di sporcarsi, di esplorare il mondo e vivere le emozioni dell’infanzia. Liberi di essere solo bambini.

Quanto è più reale e intenso il momento in cui la vita ti esplode dentro e te la senti addosso? Perché i colori, nel momento esatto in cui li tocchi, sembrano brillare di più. E la terra, se ci affondi i piedi dentro, è più comoda di qualsiasi paio di scarpe. Per questo io cammino sempre scalza.

Continue Reading

Hello summer! La tua prima prova costume

È arrivata un’altra estate e Bibi sta per compiere un anno. Ma com’è possibile? Solo ieri, era uno scricciolo dalle gambette magre che amava sonnecchiare all’ombra, al canto delle cicale. Oggi, su quelle gambe burrose, sembra pronta per camminare. Lei, che è l’unica della famiglia ad essere nata in estate, soffierà la sua prima candelina al mare. Non vedo […]

Continue Reading

DIY: dare nuova vita e stile ai vecchi capi dei bimbi

L’arrivo di Bibi, dopo due maschi, fra le altre cose ha finalmente rappresentato l’emozione di accedere ad una zona che per lungo tempo era rimasta per me off limits: il reparto bimba dei negozi di abbigliamento. Dai miseri tre scaffali dedicati ai bimbi, per anni ho lanciato sguardi colmi di adorazione ai centordici metri quadri dedicati alle bimbe. Ero […]

Continue Reading

Impariamo le regole: le nostre grafiche da scaricare

Le regole per i bambini sono importanti. Volete una grafica colorata da scaricare gratuitamente per insegnare loro a rispettarle? Siete già rientrati dalle ferie? Allora forse anche voi state sperimentando gli effetti devastanti che le vacanze, anche se brevi, possono avere sui figli. Ne avevo parlato anche l’anno scorso nei miei Racconti di fine estate, […]

Continue Reading

Voglia di tenerezza

Al tuo primo bagnetto, avevi tre giorni, ed eri grande su per giù come un ranocchio. Tutto stropicciato, ci guardavi con quegli occhi scuri e grandi, galleggiando fra le nostre mani impacciate. I pugni stretti vicino alla testa, come un pugile che tiene alta la guardia.

Continue Reading

Anche i bambini nel loro piccolo s’incazzano.

Anche la vostra casa è governata da creature spaventosamente colleriche, facilmente irritabili e precocemente ribelli che avete generato voi? Gli chiedete di fare una cosa 20 volte, e loro vi rispondono con espressioni imbronciate, pernacchie, sguardi assassini, resistenza passiva o vere e proprie aggressioni verbali e fisiche? Sembrano adolescenti, ma hanno dai 18 mesi ai 3 anni? Se […]

Continue Reading

La cameretta di BabyB

Ok. Sono ufficialmente partita per la tangente sindrome del nido. Giunta quasi al settimo mese, direi che sono anche abbastanza in ritardo. Nelle precedenti gravidanze, avevo deciso tutto al quarto mese. Al sesto, avevo già cambiato idea 24 volte, spostato tutti i mobili e cambiato colore alle pareti. La verità è che, fino a ieri, […]

Continue Reading

Caccia alle uova in giardino!

Questo fine settimana ho deciso di seguire il suggerimento di Kinder e organizzare per i bimbimatti la caccia alle uova di Pasqua. La caccia alle uova è un gioco molto popolare nella tradizione anglosassone e del Nord Europa, mentre in Italia Kinder organizza quest’anno la seconda edizione. Domani, 20 marzo, si svolgerà infatti gratuitamente nelle principali città italiane, nei musei […]

Continue Reading