Gioca, pensa e muoviti con Roby Robot!

A casettamatta è arrivato un nuovo amico. Si chiama Roby Robot e, almeno qui, è il primo gioco elettronico che piace a mamma e papà.

Il primo, al quale non faremo sparire furtivamente le batterie entro 24 ore: “Oh no! Mi dispiace ragazzi, si sono già scaricate le pile. Tranquilli, che poi mamma e papà le ricomprano…”

“Mamma, non dovevi ricomprare le pile?”
“Al negozio erano finite amore mio.”

In casa abbiamo pianole che non suonano, tamburi che non battono, orsacchiotti canterini muti e trenini perennemente in sciopero. Le pistole laser non si accendono, così se Ale e Gabri vogliono simulare una sparatoria, gli toccherà fare: “Bang! Bang!”

Quasi tutti i giocattoli elettronici sono semplicemente rumorosi, fastidiosi e anche noiosi. I bambini li accendono e li dimenticano in un angolo poco dopo. Se volete fare un dispetto ad un genitore, regalate ai suoi figli un gioco elettronico qualsiasi.

E poi c’è Roby Robot.

Un robot interattivo pensato da Fisher Price per allenare il corpo e la mente dei più piccoli. Per mantenere sia il cervello che le gambe in movimento. Un amico pronto a farli scatenare, ma in modo intelligente.

Con 3 diverse modalità di gioco e 6 giochi tra cui scegliere, Roby Robot riesce ad intrattenere i bambini, ponendogli domande che stimolano il ragionamento critico, allenando le loro capacità di attenzione e ascolto e migliorando la coordinazione psico-motoria.

Un gioco, tante attività per il loro sviluppo.

Azioni dell’alfabeto, Forme Pensa e Muoviti, Giochi Impara e Gioca. Con i suoi 360 gradi di mobilità, Roby Robot si sposta dappertutto ed incoraggia i bambini a seguire istruzioni semplici, a compiere movimenti a comando, a rispettare consegne.

È perfetto per i bambini in età prescolare perché risveglia la mente e i riflessi e li aiuta a ragionare sul mondo che li circonda. E’ perfetto per Ale e Gabri, che in pochi minuti hanno imparato ad interagire naturalmente con Roby, scoprendo tutte le sue funzionalità.

Seguire le indicazioni: le attività come “Luce rossa, luce verde” oppure “Roby Robot dice” servono a stimolare la capacità di ascolto e di attenzione per seguire le istruzioni. Ascolta un animale e la sua azione. Sai saltare, grugnire, camminare e comportarti come un animale?

“Fai finta di essere un leone!”

“Muovi le braccia come un’aquila!”

Ragionamento Critico: Quando Roby Robot chiede ai bambini di pensare ad un oggetto e di quale forma sia, li stimola ad usare capacità di ragionamento critico molto importanti. Ecco Ale sottoposto ad un quiz 😀

“Quiz! Ascolta la domanda e premi un tasto sulla testa di Roby per rispondere!”

I pulsanti luminosi sulla testa di Roby arricchiscono il gioco e lui risponde alle interazioni del bambino con più di 60 espressioni facciali diverse!

ROBY DICE

Movimenti e Spostamenti: è il momento di scatenarsi e ballare! Roby Robot invita al muoversi in modo coinvolgente, fornendo indicazioni semplici per un gioco divertente e mostrando lui stesso i passi da seguire. Nessuno può dire a Gabri quello che deve fare. Roby Robot ci riesce.

“Quando senti luce verde, cammina, salta e saltella finché non senti luce rossa. Resta immobile!”

Insomma, è un gioco che offre tantissime opzioni e di cui difficilmente ci si stanca. Ideale per i bambini dai 3 ai 6 anni, ma capace di far scatenare tutta la famiglia. Noi lo abbiamo promosso a pieni voti.

Trovate tutti i dettagli sul sito Fisher Price

Post in collaborazione con Fisher Price. Questa recensione è frutto della mia onestà intellettuale e della nostra soggettiva esperienza di utilizzo.

Continue Reading

Mirachehalloween! Il nostro weekend a Mirabilandia

Un paio di settimane fa abbiamo trascorso una bellissima giornata ospiti di Mirabilandia, il parco di divertimenti alle porte di Ravenna. Vi racconto la nostra avventura e la varietà di proposte del parco per il mese di Ottobre. In occasione di Halloween, il parco si è infatti trasformato per accogliere creature mostruose, fantasmi e vampiri, ampliando […]

Continue Reading

Like thunder: nuova playlist Spotify

La playlist di Settembre si intitola Like Thunder. Non è ai tuoni che assomiglia, ma suona bene durante un temporale. Io amo i temporali e lavoro bene nei giorni di pioggia. Subisco il fascino dei fulmini. Violente scariche elettriche, spettacoli di potenza della natura che accompagnano un temporale. Folgori, baleni, lampi e saette. Brillanti lampi […]

Continue Reading

I wish I could flow – Flow Magazine in italiano

Storia di un magazine che parla di creatività, di consapevolezza, di autenticità e della bellezza che risiede in ogni imperfezione. Storia di un’iniziativa che mi sta particolarmente a cuore, perché nasce da passioni grandi e da persone belle. Da ormai oltre un anno, quel vulcano di Anabella My Washi Tape ha coinvolto una meravigliosa community di […]

Continue Reading

Home decor: arredare l’angolo studio

Il mio angolo studio è uno dei più fotografati della mia casa, non solo perché passo seduta alla scrivania buona parte del mio tempo, ma anche perché è quello che in assoluto mi rappresenta di più. Ho sempre avuto una postazione studio e ne sono sempre stata molto gelosa. Anche quando lavoravo in ufficio a […]

Continue Reading

Getting ready for Back to school! – con Privalia

L’inizio della scuola si avvicina e Privalia ci ha chiesto di raccontare in un video il mood con il quale affronteremo il nuovo anno scolastico. E quale potrebbe essere se non l’ironia? Ne serve una buona dose soprattutto al mattino, per iniziare al meglio la giornata: carichi e pronti per nuove sfide. Noi vorremmo che ogni giornata […]

Continue Reading

Playlist Spotify: Cruel summer

It’s a cruel, cruel summer. L’estate è crudele, e alcune estati lo sono più di altre. Il brano che dà il titolo alla playlist di questo mese è Cruel Summer, una hit delle Bananarama del 1983, qui in una cover di Daniel Liebt molto più cool e contemporanea. Le Bananarama le conoscete sicuramente per il più famoso […]

Continue Reading

Una matta domenica al parco, più vicini alla natura.

Roma è una galleria d’arte a cielo aperto. Ci sono moltissime aree archeologiche che è possibile visitare con i bambini, trasformando una semplice passeggiata in una piccola lezione di storia. Qui Ale e Gabri giocano con l’eco. È una delle uscite che preferiamo, perché i bambini possono muoversi liberamente in grandi spazi verdi, senza pericoli, […]

Continue Reading