Playlist Spotify: Cruel summer

It’s a cruel, cruel summer. L’estate è crudele, e alcune estati lo sono più di altre.

Il brano che dà il titolo alla playlist di questo mese è Cruel Summer, una hit delle Bananarama del 1983, qui in una cover di Daniel Liebt molto più cool e contemporanea. Le Bananarama le conoscete sicuramente per il più famoso singolo Venus, un pezzo che odio con tutta me stessa e che mi fa venire in mente solo modelle che si depilano gambe già perfettamente depilate.

Ecco, l’estate è crudele prima di tutto perché ci costringe a combattere questa guerra impari contro i peli superflui e ci vuole tutte così, come delle dee. 

L’estate è crudele perché è un’illusione che ci raccontano soprattutto le canzoni. 

Di estate ideale ne abbiamo vissuta davvero solo una o due, tutte le altre sono repliche in cui corriamo sulla sabbia per inseguire le stesse emozioni.

L’estate è crudele perché ci sono gli esami. Anche quando hai finito la scuola da un pezzo.

Quattro anni fa, d’estate, iniziava per me un nuovo ciclo. Ho preso una strada e ho pedalato senza mai rallentare. Di tappe ne ho raggiunte tante, ed è arrivato il momento di fermarmi per guardarmi intorno. Per capire dove sono arrivata. Per decidere dove altro voglio andare.

“Benvenuto luglio, l’estate esplode ma qui c’è ancora un po’ da pedalare. La prossima sarà una settimana piena di impegni, di cicli nuovi e di traiettorie da seguire 🚲”

Ho voglia di buttarmi in cose nuove. Vedo segni di incoraggiamento un po’ ovunque.

Do we go left? I see no signs. Do we go right? Can’t decide.
Do we turn back? Do we turn back?
– Signs (feat. Shantee) – 

“Niente svago questo weekend, ma tantissimi spunti di riflessione sul mio lavoro che mi accompagneranno per tutta l’estate. È un percorso difficile ed elettrizzante al tempo stesso quello che conduce a nuove consapevolezze. Qualche giorno fa, vedendo questa immagine su stories, una di voi mi ha scritto “perché non restiamo sempre come i bambini, capaci di entusiasmarsi per qualsiasi cosa”. Io voglio vivere così, con entusiasmo. Senza avere paura di toccare l’acqua anche se è ancora fredda, tra la luce e le ombre.”

Cambiare direzione non è poi tanto difficile. Basta abbattere qualche muro che sta solo nella nostra testa. 

Changing
Trying to change my ways
Oh because lately
I feel as I’m slipping away

– Walls (Summer Mix) Tez Cadey – 

“Oggi il vento da Libeccio ci ha portati al mare, così in un solo giorno ho visto schiarirsi il cielo, i miei capelli e anche alcune idee.
1️⃣Scegliere con cura il proprio posizionamento, selezionare il quadratino di spiaggia perfetto per noi, cercare di arrivare presto per poter stare in prima fila non sarà mai abbastanza, finché ci sarà sempre qualcuno che arriverà dopo ma, noncurante delle infinite possibilità alternative, ti si piazzerà lì, in mezzo alle palle, coprendoti la visuale. Il fiero inventore della fila numero zero.
2️⃣Sì, quella del punto uno è anche una metafora.
3️⃣Non c’è protezione 50 che tenga se la natura ti ha donato il fototipo più delicato, per giunta facendoti nascere troppo a sud. Ti scotterai, ti scotterai sempre. Ma non rinuncerai mai al mare.
4️⃣ Sì, quella del punto 3 è anche una metafora.
5️⃣Questa probabilmente è e resterà la prima e unica foto a figura intera della mia gallery.
6️⃣Quando Vi mi ha chiesto “Ma zoommo?” avrei dovuto rispondere sì.”

Non serve aspettare la notte di San Lorenzo per guardare le stelle ed esprimere desideri. Io ho già cominciato.

Cause if your eye’s on the ground
When the night comes around
You only see the stars when they fall like rain. 

– Netzwerk (falls like Rain) Klangkarussell – 

La mia estate suona così. Si muove a tempo fra il passato e il presente, immaginando un futuro semplice. 

E la vostra estate che ritmo ha?

Continue Reading

Una matta domenica al parco, più vicini alla natura.

Roma è una galleria d’arte a cielo aperto. Ci sono moltissime aree archeologiche che è possibile visitare con i bambini, trasformando una semplice passeggiata in una piccola lezione di storia. Qui Ale e Gabri giocano con l’eco. È una delle uscite che preferiamo, perché i bambini possono muoversi liberamente in grandi spazi verdi, senza pericoli, […]

Continue Reading

Hello summer! La tua prima prova costume

È arrivata un’altra estate e Bibi sta per compiere un anno. Ma com’è possibile? Solo ieri, era uno scricciolo dalle gambette magre che amava sonnecchiare all’ombra, al canto delle cicale. Oggi, su quelle gambe burrose, sembra pronta per camminare. Lei, che è l’unica della famiglia ad essere nata in estate, soffierà la sua prima candelina al mare. Non vedo […]

Continue Reading

Vuoi il mio numero? Il mio 5×1000 ad AISM

Ho immaginato di svegliarmi un giorno, inghiottita dalla lentezza. Di perdere progressivamente la capacità di muovermi nel mondo. Di perdere la lucidità del mio pensiero. Di perdere i ricordi. Ho immaginato di dimenticarmi la gioia di vivere. Ho deciso di supportare la campagna AISM #vuoiilmionumero e di donare il mio 5×1000 alla Fondazione Italiana Sclerosi Multipla, […]

Continue Reading

I Figli della notte – Il film di esordio di Andrea De Sica

Andrea De Sica, nipote del grande Vittorio e figlio di Manuel, esordisce alla regia con un thriller esistenziale che racconta il difficile passaggio dall’infanzia all’età adulta. Quell’età indefinita dove tutto è ancora possibile, ma che spesso viene segnata da esperienze che cambiano inesorabilmente il destino. I Figli della Notte esce nelle sale il 31 maggio. Io […]

Continue Reading

Tengo il tempo

Mamma, la prima parola del giorno. Ma sogno o son desta? Mamma, la luce del mattino che filtra dalla finestra. Mamma, una manina in faccia e la mia sveglia è questa. Salto giù dal letto scalza, sento le briciole sotto i piedi, ma non avevo passato l’aspirapolvere ieri? Per noi due espresso, profumo di caffè, i biberon di latte a […]

Continue Reading