Viaggiare con i bambini – Free printables per la sopravvivenza

Il mio motto non è mai cambiato, e si rinnova tutti i giorni: MUM IS FUN.

La verità è che fare la creativa di professione è una cosa che mi dà almeno cinquemila punti anche come mamma.

Bisogna davvero ingegnarsi per affrontare le piccole sfide quotidiane che la gestione dei bambini comporta. Perciò anche nel mestiere di mamma, vado continuamente a caccia di idee che possano semplificarmi la vita o rendere più facile e divertente  – e qualche volta semplicemente sopportabile – la giornata.

La soluzione che ho trovato oggi risponde ad una problematica che sicuramente conoscete: i bambini non sopportano i viaggi.

Certo amano partire, indubbiamente apprezzano le soste e di sicuro gli piace arrivare a destinazione. Il problema è tutto ciò che accade nel mezzo.

Se quando sono piccoli si può puntare tutto sull’effetto soporifero del mezzo di trasporto in movimento e su quello ipnotico dell’orizzonte irraggiungibile, man mano che crescono diventa veramente difficile trovare il modo per trascorrere il tempo di un lungo viaggio senza diventare tutti isterici.

Anche i vostri iniziano a chiedere “quando arriviamo” prima ancora di uscire dalla tangenziale?

Noi ultimamente abbiamo viaggiato parecchio, percorrendo migliaia di chilometri in auto e trovandoci a dover intrattenere i bimbi per molte ore, anche a causa di qualche imprevisto. La scorsa estate, per esempio, ci si è rotta la macchina in autostrada e siamo rimasti chiusi in un officina per un intero pomeriggio. Due settimane fa siamo rimasti bloccati su un tornante in montagna per colpa della neve.

Lo stress maggiore non sono stati il conto del carro attrezzi o il montaggio delle catene, ma la gestione di tre bambini stanchi. Come siamo sopravvissuti? Con molta immaginazione.

Che cos’è il genio? E’ fantasia, intuizione, colpo d’occhio e velocità di esecuzione (cit.)

Fra pochi giorni ci aspetta un altro viaggio per le vacanze di Natale, e io non voglio ritrovarmi in coda in autostrada inca**ata come il Grinch. Stavolta mi sono preparata un vero e proprio kit di sopravvivenza!

Il kit è composto da una serie di attività utili per gestire il tempo, giocare in auto e rendere tutto più semplice e divertente. 

NAVIGATOR

Una mappa da compilare prima della partenza e consegnare ai piccoli navigator. Assegnerò loro il compito di controllare i bagagli prima e verificare che tutto si svolga nei tempi previsti. Dove andiamo? Quando arriviamo? Quando si mangia? Quando ci fermiamo? Dimmelo tu amore mio! No, non è il momento di fare uno spuntino, la mappa dice che è ora di giocare!

INDOVINELLI

Nel kit ci sono dei set di carte da ritagliare per fare i nostri giochi preferiti in viaggio. Gli indovinelli sono un grande classico. Possono riguardare qualsiasi cosa, ma la categoria preferita dai bimbimatti, chi lo avrebbe mai detto, è il cibo. Questo gioco lo gestisce quasi sempre il papà, mentre io mi faccio un sacco di risate. La regola prevede che prima di rispondere ci si debba prenotare schiacciando un pulsante invisibile e imitando il suono: “Meeeh meeeh!” Ora con le carte da pescare potranno anche giocare fra di loro.

SNACK PASS

Le carte con il cibo possono essere utilizzate anche come snack pass. Ne consegno due a testa e saranno loro a giocare il jolly spuntino. Riusciranno a resistere almeno un’ora prima di fare all in? Staremo a vedere.

ABC

Pescando le lettere dell’alfabeto si possono inventare mille giochi. Nominare il maggior numero di cose, città, animali e personaggi, per esempio. Dimmi tutto quello che vedi con la lettera A! Chi ne dice di più, guadagna una carta. Chi ne avrà vinte di più alla fine del gioco?

(NON FARE) STORIE

Raccontare storie in viaggio è il mio forte. Non ne invento mai una uguale. Durante l’ultima trasferta abbiamo deciso di crearne un pezzetto a turno: ciascuno doveva riprendere la storia dal punto in cui si era fermato il narratore precedente. Vi dico solo che Gabri ha nominato i personaggi Luna di Sesamo, Cicciolone e Polenta. Sì, me li sono appuntati.

Nel kit ho messo alcuni personaggi delle fiabe classiche. Quale sarà il protagonista della storia di oggi? Peschiamo una carta e improvvisiamo. E anche queste possono essere usate per gli indovinelli. Qual è il personaggio o l’oggetto misterioso? Hai 3 domande per scoprirlo!

MEMORY

Infine, cosa otteniamo se stampiamo le carte in doppia copia? Il gioco del memory!

Sono giochi semplici, ma funzionano alla grande. Ale e Gabri poi hanno l’età perfetta per questo tipo di attività. E se loro sono tranquilli, Bibi può dormire in pace oppure li osserva giocare con interesse.

siete in partenza? scaricate e stampate questo kit di sopravvivenza!

Ma mi raccomando, non mostratelo in anticipo ai bambini! Tiratelo fuori solo in macchina, nel momento di disperazione massima!

Quali sono le idee semplici ma geniali che avete sperimentato con i vostri bimbi? Le vostre dritte, le ricette, le soluzioni facili, creative e divertenti per sopravvivere ai piccoli problemi di ogni giorno?

Raccontatele a me, oppure postatele con l’hashtag #BraunMakesItEasy sulla pagina Facebook di Braun, dove in questi giorni si celebra proprio l’arte di semplificarsi la vita.

Post liberamente ispirato da Braun

Continue Reading

I wish I could flow – Flow Magazine in italiano

Storia di un magazine che parla di creatività, di consapevolezza, di autenticità e della bellezza che risiede in ogni imperfezione. Storia di un’iniziativa che mi sta particolarmente a cuore, perché nasce da passioni grandi e da persone belle. Da ormai oltre un anno, quel vulcano di Anabella My Washi Tape ha coinvolto una meravigliosa community di […]

Continue Reading

DIY: dare nuova vita e stile ai vecchi capi dei bimbi

L’arrivo di Bibi, dopo due maschi, fra le altre cose ha finalmente rappresentato l’emozione di accedere ad una zona che per lungo tempo era rimasta per me off limits: il reparto bimba dei negozi di abbigliamento. Dai miseri tre scaffali dedicati ai bimbi, per anni ho lanciato sguardi colmi di adorazione ai centordici metri quadri dedicati alle bimbe. Ero […]

Continue Reading

Voglia di tenerezza

Al tuo primo bagnetto, avevi tre giorni, ed eri grande su per giù come un ranocchio. Tutto stropicciato, ci guardavi con quegli occhi scuri e grandi, galleggiando fra le nostre mani impacciate. I pugni stretti vicino alla testa, come un pugile che tiene alta la guardia.

Continue Reading